MockUp Magazine. Nuovo numero

È online il nuovo numero (novembre 2020 – gennaio 2021) del nostro trimestrale www.mockupmagazine.it con nuovi contenuti, articoli e contributi dal mondo della letteratura, dell’artigianato, della tecnologia, della cucina, del teatro, del cinema e della moda con un occhio particolare al costume e al mal-costume.

È online il nuovo numero (novembre 2020 - gennaio 2021) del nostro trimestrale www.mockupmagazine.it con nuovi contenuti, articoli e contributi.
È online il nuovo numero (novembre 2020 – gennaio 2021) del nostro trimestrale www.mockupmagazine.it con nuovi contenuti, articoli e contributi.

In nuovo numero online – comunica il Direttore Editoriale Matteo Tuveriaccompagnerà i lettori verso le prossime “strane” feste, funestate dalla pandemia e mosse da un sotteso bisogno di comunità e programmaticità. Il numero di novembre-gennaio è dedicato al payoff Un miglio nelle tue scarpe, ispirato alla frase di Luigi Pirandello che dice: ‘Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere, mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io”.

Nell’editoriale, intitolato Mettiti le mie scarpe. Percorri il cammino sono state raccolte la foto di scarpe e storie: l’Infermiera, il Social Manager, la Drag Queen, l’Editore (e molti altri). Collettività, condivisione, comprensione e dialogo sono al centro di articoli, poesie, libri e interventi. Prosegue il Direttore Editoriale: “su MockUp si parla anche di serie TV, artigianato, tradizione e cucina, con un occhio all’esperienza condivisa”.

www.mockupmagazine - Il trimestrale edito da Il Sextante

MockUp Magazine. Il nuovo trimestrale del Sextante

La nostra Casa Editrice è felice di annunciare la nascita di un nuovo trimestrale: MockUp Magazine nasce come contenitore di arte, moda, società e stili di vita nel 2015, e si unisce oggi alla grande famiglia editoriale de Il Sextante.

www.mockupmagazine - Il trimestrale edito da Il Sextante
MockUp Magazine – Il trimestrale edito da Il Sextante

Lo annunciano alla stampa specialistica – e ai lettori – il Direttore Responsabile della rivista Mariapia Ciaghi e il Direttore Editoriale Matteo Tuveri: “C’è chi pensa che la comunicazione, per essere obiettiva, non debba prender parte. Ma non prendere parte vuol dire essere distratti, ignavi, conniventi“, afferma la Dott.ssa Ciaghi, CEO e founder de Il Sextante, e prosegue: “la comunicazione che serve a costruire, o consolidare, il consenso, che non esercita la libertà di critica, che coltiva la rassegnazione o il fervido entusiasmo, ha poco a che fare con la democrazia“.

MockUp Magazine dice che bisogna darsi da fare – dichiara Matteo Tuveri, Direttore Editoriale del magazine – che bisogna usare il cervello, avere cuore, etica, coraggio e essere sé stessi in una società ipotrofica, iperperformante e spersonalizzante. Salutiamo il presente numero zero di MockUp con nomi di valore e personalità di ampio respiro, ognuno espressione di un background regionale, anagrafico e culturale differente. Capaci, insieme, di offrire spunti, espressioni, dubbi e visioni “altre”.

MockUp Magazine, e il suo trimestrale di luglio-settembre, sono raggiungibili al sito della rivista www.mockupmagazine.it

Echi da due mondi, Jon Mucogllava (Il Sextante), recensione su Leggeretutti.eu

Recensioni. Mucogllava su leggeretutti.eu

La rivista Leggere:Tutti dedica a Echi da due mondi, la silloge poetica di Jon Mucogllava, una recensione a firma Niccolò Lucarelli.

Appena al di là dell’Adriatico, eppure poco noto nonostante vicende storiche relativamente recenti che lo hanno visto persino protettorato italiano, e fino a venti anni fa difficilmente accessibile per la difficile situazione interna, l’Albania è oggi un Paese che si sta rapidamente modernizzando, dove i giovani guardano con entusiasmo al futuro, impazienti di portare un contributo per costruirlo nel modo migliore possibile. Gli intellettuali ricoprono sempre un ruolo importante per il progresso civile, in chiave di riflessione sulle radici del passato e sugli aspetti spirituali del pensiero di un popolo, patrimonio indispensabile mantenere viva una cultura, e cui attingere nei momenti di crisi. Ma Jon Mucogllava (2001), giovanissimo poeta albanese, va oltre i “confini” culturali e si fa anche cantore di situazioni, emozioni, speranze, timori, di carattere universale. Un breve ma denso livre de chevet di poesia, ma anche sulla poesia, che riflette sulle sensazioni dell’essere poeta, che si porta dietro quella solitudine di leopardiana memoria, fra quelle carte che non si fa fatica a immaginarle altrettanto “sudate”, perché le parole di Mucogllava sgorgano davvero dall’anima, e tutto ciò che ha un’origine del genere ha sempre alle spalle una lavorazione tormentata.

Leggi tutto

Sul volume di poesie anche una lettura speciale dell’autore sul nostro canale YouTube

 

Dialoghi Di-Versi all'Ambasciata di Romania in Italia con la partnership de Il Sextante

Dialoghi Di-Versi fra Romania e Italia

Si è svolta mercoledì 30 ottobre 2019, alle ore 18:00, presso la Sala conferenze dell’Accademia di Romania in Roma (Piazza José de San Martin 1) la serata intitolata “Dialoghi Di-Versi”, organizzato in partenariato con la Casa Editrice Il Sextante di Roma.

L’incontro, che si è avvalso del patrocinio dell’Ambasciata di Romania in Italia ed è stato promosso dalle Biblioteche di Roma, ha portato davanti al pubblico due voci femminili in dialogo: la poetessa romena Adriana Iftimie Ceroli e la scrittrice e giornalista bulgara Anna Maria Petrova-Ghiusele.

La serata rientra negli eventi denominati “I mercoledì letterari”, un progetto realizzato dall’Accademia di Romania in Roma, che si propone di promuovere scrittori romeni tradotti in italiano e pubblicati presso le case editrici italiane e opere letterarie che hanno un riferimento alla cultura romena.

Le protagoniste della serata

Adriana Iftimie Ceroli è nata il 1° agosto 1973 in Romania, sotto il regime di Ceausescu, dove i suoi studi sono stati regolari. Il riferimento della sua infanzia è stato la libreria di suo padre, dove leggeva Proust, Schopenhauer, Zola e, di nascosto Kafka. E questa è l’unica cosa di cui è grata a quel regime. Dopo la caduta del comunismo ha preso la decisione di espatriare da clandestina, per guardare, imparare, scrivere, ricordare. In questo viaggiare è arrivata a Roma, dove vive da più di 25 anni. Abita qui, perché pensa ancora che sia la capitale dell’impero romano e della cultura occidentale.

Anna Maria Petrova– Ghiuselev, giornalista, attrice, produttrice cine-tv. Laureata all’Accademia Musicale di Sofia e in Teatro e Management alla NBU, Sofia. Giornalista del TG LA 7, di Uno Mattina – RAI UNO, BNT-Bulgaria, RaiUno, RaiDue, Canale 5 e attrice in numerose produzioni cinematografiche e televisive in Bulgaria, Italia, Germania, Francia, Usa. Ha pubblicato poesie in vari volumi collettanei e personali, tra cui: “Eugenia Mars” di Sofia (2002-2019); “Poeti e Poesie” (dir. Elio Pecora 2009); “Cara Alda, ti scrivo…” (2010); Antologia Poetica, Agenda del Poeta, Antologia Impronte(2011-2014); ”Versi per Alda” (2018) e ”Alberoandronico” (2019). Ha ottenuto vari premi, tra cui: Concorso Europeo di Poesia – Lecce 2000, 2007, 2010 (1° Premio); Premio Alda Merini-Catanzaro 2010; Gran Trofeo della Cultura al Premio Histonium-Vasto 2012, Premio del Parlamento EU, Italia 2013.Presente al Salone del Libro di Torino nel 2012 e 2016.

Eudonna Magazine, settembre 2019 - www.ilsextante.net

Eudonna di settembre. Cinema e parità di genere

Nelle biblioteche, nelle librerie e nella cassetta delle lettere di molti lettori, arriva il numero di settembre 2019 di Eudonna Magazine, dedicato questa volta alla parità di genere nel cinema.

Eudonna Magazine, settembre 2019 - www.ilsextante.net“Se fossi nata nel 1873, solo un secolo fa,
Se avessi lavorato per Gaumont per undici anni,
Se avessi incontrato tutti gli scienziati importanti del mio tempo,
Se fossi stata l’unico direttore donna al mondo per 17 anni, chi sarei ?
Sarei nota,
Sarei famosa,
Sarei riconosciuta …
Chi sono io?
Méliès, Lumière, Gaumont?
No,
Sono una donna
quindi,
nessuno conosce il mio nome. “

Mariapia Ciaghi, www.ilsextante.netCon queste parole, Alice Guy – la prima donna regista – descrive nella sua autobiografia la situazione comune ad altre donne che, dopo aver svolto un’importante opera creativa nel mondo del cinema, rimangono anonime, espulse dalla Storia scritta da uomini.
Molte donne, anche nel cinema italiano delle origini, hanno scritto e diretto film muti, alcune hanno fondato le loro case di produzione.

Alla prima donna regista italiana del periodo, Elvira Notari, Eudonna ha dedicato la copertina del numero in uscita, realizzata da Fulvio Bernardini.

Acquista il giornale Qui 

A Roma omaggio a Rossini fra musica e pittura

Omaggio a Rossini, RomaSabato 26 gennaio, alle ore 18:00, presso Il Salotto di Carla (via dei Chiavari 38, Roma), Il Sextante presenta Omaggio a Rossini…e non solo.

In occasione dell’evento lo spazio de Il Salotto di Carla ospiterà le opere di Paolo Iantaffi e le esecuzioni della Piccola Orchestra Soleado (Roberto Carotti, Lello Micheli, Mario Rosario Faraglia, Michele Abbattist. Voce narrante Enzo Parisi).

Fin da bambina allo specchio, Convegno a Roma il 24 ottobre 2018

Fin da bambina allo specchio. Convegno a Roma

Fin da bambina allo specchio, Convegno a Roma il 24 ottobre 2018, locandina

Il 24 ottobre 2018, dalle ore 15:00 alle ore 19:00, presso la Sala del Carroccio del Campidoglio a Roma, il “Convegno Fin da bambina allo specchio“, dedicato all’educazione, allo sviluppo e alle prospettive delle bambine di oggi.

Da Milano a Matera, e da Como a Roma nella prestigiosa storica sede del Carroccio del Campidoglio.

La Consulta Interassociativa mette insieme per l’occasione associazioni nazionali e internazionali, affinché queste ultime possano incontrarsi al Campidoglio per scrivere una nuova pagina di storia con al centro le tematiche che riguardano l’educazione, lo sviluppo e le prospettive delle bambine di oggi.

Solo se approfondiamo con impegno attenzione e professionalità le problematiche che riguardano ogni bimba faremo sì che il suo sorriso sia e resti quello fresco, ingenuo, libero e solare che merita – sottolinea Laura Caradonna, Presidentessa della Consulta – Confrontarci, fare rete, cercare insieme soluzioni concrete e realizzabili è doveroso. Proteggere, rispettare ed educare fin da bambina la donna di domani è il nostro compito di oggi.”

Nel Convegno del 24 ottobre al Campidoglio, la Consulta lavorerà in sinergia con esperti ed esperte del Cenpis Orion Psicosomatica di Roma, presieduto dal Professor Antonio Popolizio, perchè ogni ragazzina veda riflessa allo specchio la sua bellezza interiore e la sua immagine serena ed equilibrata.

Istinto femminile, Guido Angeletti, Scultura in resina patinata alluminio, 2018
Istinto femminile, Guido Angeletti, Scultura in resina patinata alluminio, 2018

Ospite all’evento il Maestro Guido Angeletti che porterà una scultura dal titolo “Istinto femminile” per dare un valore aggiunto all’esperienza che la donna fin da bambina può fare guardandosi allo specchio. Si tratta del fenomeno cruciale in cui ogni donna in fieri si rivolge a se stessa e, per la prima volta, si intravede attraverso il velo delle abitudini infantili, nella loro innocenza, lasciando spazio al complesso nodo psicologico della donna adulta.
Ciò si compie attraverso il supporto di ogni tipo di superficie riflettente. Lo specchio diventa lo spazio materiale e circoscritto che delimita le profondità insondabili dell’Io nascosto femminile. Unico testimone della scoperta, esso diviene al tempo stesso anche l’unica via d’accesso all’intimità della donna e del suo istinto.

Gli atti del Convegno saranno pubblicati nel trimestrale Eudonna Magazine di dicembre 2018, edito da Il Sextante e diretto da Mariapia Ciaghi. Gli stessi saranno poi tradotti in spagnolo e inglese, sempre a cura de Il Sextante, per una divulgazione internazionale.

Chiunque desideri iscriversi al convegno (posti limitati) è pregato di farlo contattando gli indirizzi e-mail: info@cenpisorion.it e info@sextante.it

 

Documenti

Fin da bambina allo specchio, locandina [PDF]

Fin da bambina allo specchio, nota stampa [PDF]

Soul in the Art. La mostra collettiva a Perugia

Soul in the Art. Una rassegna per l’arte

Dal 7 al 17 dicembre 2017, si svolge nella seicentesca sede dell’ex oratorio di Santa Maria del Suffragio a Perugia la prestigiosa rassegna Soul in the Art che ospita un gruppo di ventisei rinomati artisti con le loro circa cinquanta opere. Queste ultime spaziano dalla pittura alla scultura, dalla fotografia al designer.

Nella mostra collettiva ogni artista proietta la propria anima all’interno dell’opera. Così come il poeta compone un sonetto e il musicista un quartetto.  In questo modo l’arte continua a vivere.

L’iniziativa è promossa da Il Sextante di Mariapia Ciaghi e curata da Elisa Bergamino, affermata critica d’arte che ha selezionato le opere pittoriche e scultoree.

Venerdì 8 dicembre, alle ore 18:00, la soprano Tania Renzulli eseguirà, nel recitalTra Sacro e Profano“, brani di Pergolesi, Paisiello, Mercadante, Schubert, Brahms, Verdi, Bizet, Gershwin e Di Capua Un percorso musicale dal Settecento ai giorni nostri.

Soul in the Art. La mostra collettiva a Perugia, locandina
Soul in the Art. La mostra collettiva a Perugia