Immagine di copertina: Werner Moser da Pixabay

Coronavirus, letteratura e informazione

La nostra casa editrice prende atto, come tutti i cittadini di buona volontà, della situazione sanitaria emergenziale più volte sottolineata – a varia livelli – dagli organi dello Stato. Per questo motivo, con grande senso di responsabilità, diffusi in moltissime parti d’Europa e del mondo grazie alle nostre pubblicazioni, invitiamo tutti i nostri amici, lettori e collaboratori, ad adottare comportamenti sociali, lavorativi e personali che siano in linea con le raccomandazioni fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dagli organi preposti in tema di salute pubblica e scienza.

Invitiamo tutti i nostri lettori – e tutti gli operatori dell’informazioni – ad adottare anche un comportamento corretto nei confronti del tema Pandemia e Coronavirus, fornendo e usufruendo di una comunicazione giornalistica e divulgativa sana, senza flame, sensazionalismi e allarmismi dannosi: verificare sempre le fonti, adottare un linguaggio composto, razionale e moderato, diffondere notizie vere e aggiornate.

L'etica del giornalismo online - ItaliaRicordiamo che Il Sextante si è sempre occupato della salute della comunicazione pubblica e dell’informazione. Abbiamo pubblicato L’etica del giornalismo on-line – Italia, una raccolta di interventi di giornalisti che operano nel mondo del web, effettuata sul confronto tra tre paesi: Belgio, Spagna e Italia. La ricerca è stata condotta dall’Università di Comunicazione di Siviglia grazie alla partecipazione del professore Juan Carlos Suarez Villegas e curata in Italia dalla giovane giornalista romana Simona Gionta.

Segnaliamo di seguito anche l’articolo divulgativo (pubblicato su www.mockupmagazine.it) del nostro autore e collaboratore Matteo Tuveri sulla malattia da contagio nella letteratura europea e sulla essenziale corretta interpretazione delle notizie ad essa relative per l’ottimale gestione e superamento della crisi. Come dice Tuveri nell’articolo: “è proprio questa inquietudine vuota alla base dei post sui social network, intrisi di ansia, terrore, fake news, bieco opportunismo politico, razzismo e polemica. La medesima nausea del vivere, nella “sdilinquita abbondanza” del tutto di cui ci circondiamo – come un cavaliere medievale con la sua armatura – spinge frotte di persone a fare la fila per accumulare derrate alimentari (che, vai a spiegarglielo, non mancano!), a partecipare a raduni, incontri o ad invadere le stazioni ferroviarie, derogando a ogni minimo buon senso, propagando la malattia, per scappare da un virus che non ti insegue e tu gli sfuggi, ma che è nell’aria, nelle lacrime o nelle mucose (in fondo, a guardare bene, nel tuo stesso comportamento)” [Leggi tutto]

Come spesso ripetuto, non siamo solo una casa editrice, ma anche “un luogo di incontro e di condivisione che esplora il mondo circostante“. Per farlo spesso occorre coraggio, questo è il momento.

 

Immagine di copertina: Werner Moser da Pixabay 

Fulvio Bernardini, in arte Fulber

Eudonna, il terzo numero fra eventi, musica e incontri

Nato nel dicembre 2016 e già punto di riferimento di appassionati lettori e addetti ai lavori, il magazine Eudonna esce a giugno con il terzo numero dedicato all’artista sarda Maria Lai, alle filandere di Salzano e ad Anna Gaddo. Nel numero i nomi, le storie e le vicende di donne che hanno cambiato per sempre il volto della società, dell’arte e del mondo del lavoro.

In occasione della presentazione del nuovo terzo numero, a Roma numerosi eventi: il 22 giugno 2017 nella sede di Micro a Porta Mazzini, sarà presentata la seconda tappa espositiva del progetto “OPEN generazioni a confronto” ideato e curato da Paola Valori.

Fulvio Bernardini, in arte Fulber. A lui è dedicata la mostra romana "Il rivisitismo di Fulber, i sentieri di Roy"

“Si tratta – come ci dice Mariapia Ciaghi, Founder e CEO della Casa Editrice Il Sextante – di un ciclo di mostre dedicate al confronto generazionale tra artisti, un viaggio itinerante con diversi appuntamenti che si ripeteranno nel corso dell’anno tra gallerie, spazi istituzionali e privati con l’obiettivo di offrire al pubblico un’ambiziosa programmazione, incentrata sulla contaminazione tra talenti emergenti e personalità già consolidate.”

La mostra “Il rivisitismo di Fulber, i sentieri di Roy”, aperta tutti i giorni (tranne la domenica) dal 22 al 26 giugno dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00, nasce dalla collaborazione tra Paola Valori e Mariapia Ciaghi e prevede l’esposizione di alcune delle grandi tele più rappresentative del lavoro di Fulber (Fulvio Bernardini) esposte a partire dal 2013 nelle principali capitali europee, a cura del MIIT di Torino

L'Orchestra Mandolinistica Romana diretta dal M° Teresa Fantasia.

In occasione della presentazione del magazine edito da Il Sextante, lunedì 26 giugno alle ore 21:00, a Roma presso la galleria d’arte MICRO, l’Orchestra Mandolinistica Romana, diretta dalla Maestra di musica Teresa Fantasia propone un concerto di musica classica e popolare, con l’intento di dare un’ampia panoramica sulle diverse sonorità di un’orchestra a plettro in funzione dei differenti stili musicali.

L’Orchestra Mandolinistica Romana, porta avanti una ricca tradizione musicale in perfetto equilibrio tra professionismo, attività amatoriale, divulgazione. Cuore dell’orchestra è il mandolino, con tutta la sua famiglia (mandolino, mandola, mandoloncello), uno strumento che vanta più di tre secoli di vita, con un repertorio che spazia dai capolavori dell’età barocca, alla musica popolare, a quella contemporanea.

By Matteo Tuveri su www.mockupmagazine.it